Come rendere veri i buoni propositi

I buoni propositi ci ossessionano alla fine dell’anno e ci abbandonano a inizio dell’anno nuovo. Li abbiamo anche a inizio anno accademico e prima delle vacanze estive…

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

L’illusione dei buoni propositi

Insomma, in ogni stagione ci sono buone occasioni per programmare cambiamenti e stilare liste di buoni propositi che ci migliorerebbero la vita. Cosa spesso accade però? Accade che queste meravigliose liste o mappe mentali restano un bellissimo esercizio a livello cosciente.

Perché i buoni propositi non si realizzano sempre? Uno dei motivi più scontati e banali è quello della mancanza di ripetizione, è stato provato che un cambiamento per 21 o 30 giorni di fila promette di restare per sempre.

L’altra ragione molto comune e che sabota il cambiamento nella prima settimana è proprio la mancanza di delega. Se continuiamo a pensare che i buoni propositi si realizzino e concretizzino a livello cosciente, saremo destinati a fallire. Dopo aver stilato i cambiamento che – consciamente – sappiamo essere buoni e giusti per noi, dobbiamo saper parlare il linguaggio della mente inconscia e delegare a LEI l’adozione di questa nuova abitudine.

Trasformare una lista in buone abitudini

Come adottare una nuova abitudine è oggetto di argomento nei corsi dal vivo di Indipendenza Emotiva e nel video corso (omaggio per chi partecipa al corso). In questa radio intervista per Radio24 fattami dai simpaticissimi e bravissimi Rosita Celentano e Angelo Vaira per la loro trasmissione “Chiedimi se sono felice”, parlo proprio di come trasformare i buoni propositi della “bella lista” in fatti reali e in abitudine adottare e consolidate.

In particolare, nell’intervista si parla di

  • Quei troppi “devo” sprecati e di quei tanti “voglio” sottovalutati;
  • Tempi verbali e come il presente indicativo sia utile a rendere i buoni propositi più veri e realizzabili;
  • E diciamo anche che è meglio evitare di nominare ciò che vogliamo abbandonare.

In un simpatico esempio, Rosita Celentano fa notare che sarebbe inutile dire che non voglio più “bere 7 caffè al giorno” perché questo non fa altro che mostrare alla mente tutti i 7 momenti in cui bevevo caffè e che non voglio più fare… consciamente. Ops, troppo tardi! Ciò che la mente inconscia visualizza, la mente inconscia fa. Senza ragionarci sopra.

Ragionare non è tra le capacità della nostra parte limbica e pertanto non possiamo contare su di essa per adottare i buoni propositi scelti su carta. Per far sì che i nostri sogni diventino realtà, dobbiamo necessariamente andare oltre la forza di volontà e cercare l’aiuto e supporto della nostra mente inconscia (o abitudinaria o limbica) e delegare a lei la presa in carico della realizzazione dei buoni propositi.


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


3 VIDEO GRATIS PER TE

Gestisci le tue emozioni, le tue abitudini e impara tanti strumenti per raggiungere i tuoi obiettivi con coerenza emotiva.



Manuale di indipedenza emotiva, un liro di Debora Conti

Potrebbe piacerti anche…

Il potere della mente inconscia e Kandel
28.037
Oggi più che mai il potere della mente inconscia è riconosciuto in psicologia. La parte inconscia è oggi più potente di quella conscia e un librone ce ne dà le prove... La quinta edizione americana del manualone di psicologia "Principles of Neural Science 5th Edition", chiamato familiarmente...
Igiene emozionale: cos’è e perché preoccuparsene
17.791
Da un secolo la nostra aspettativa di vita è cambiata perché ci prendiamo più cura della nostra igiene personale. Ma cosa succederebbe se tenessimo in conto l'igiene emozionale tanto quanto quella del corpo? Il simpatico psicologo Guy Winch in un video per TED lascia il pubblico a bocca aper...
Il segreto per gestire il proprio dialogo interno
31.427
Il dialogo interno è quella radio interiore che commenta, giudica, si chiede sulla vita. Sempre. Mentre scriviamo, leggiamo, parliamo con gli altri, facciamo le cose o non le facciamo. Il dialogo interno può essere incoraggiante, consolatorio, categorico, esitante, negativo o paralizzante. I...
Submodalità visive per motivarsi fino al traguardo
17.926
In Programmazione Neuro Linguistica (PNL) le chiamano "submodalità", in pratica si tratta delle caratteristiche di un oggetto (visive, auditive o cinestesiche) che permettono di motivarsi o di abbandonare un obiettivo. Sull'onda di alcuni video visionati su TED sulla sfida dei 30 giorni e su ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *