Paura di fallire VS Paura di riuscire

Quando si ha un obiettivo può emergere in noi la paura di non riuscirci. Naturale, direi. Paralizzante, a volte. Cosa fare quindi se VOGLIAMO QUALCOSA ma abbiamo paura?

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Innanzitutto è importante capire la propria paura. Nel mio libro Ascolta i Grilli e scendi dall’Ottovolante spiego perché è utile parlare con la propria paura: per capirla, distinguerla, farsi accompagnare da essa, farle cambiare idea.

Ai corsi, quando tratto la paura, propongo sempre una simpatica visualizzazione che instaura un collaborativo e costruttivo dialogo con la propria PAURA. La paura ci accompagna e ci serve! Non possiamo escluderla dal percorso di raggiungimento di nessun obiettivo. La paura ci mantiene vigili, attenti e preparati. La paura DEVE diventare nostra alleata, ecco perché la visualizzazione che la coinvolge la trasforma in una amica utilissima da mantenere al proprio fianco.

In questo articolo distinguo due tipi di paura:

  • LA PAURA DI FARCELA: Quella con un occhio al futuro, che di solito genera un sentimento di ansia e stress.
  • LA PAURA DI FALLIRE: Quella che butta sempre un occhio a ciò che è andato storto in passato, che di solito ci fa sentire delusi e spensi.

La paura di farcela risponde di solito a domande quali “Me lo merito?” e “Sarò capace di diventare quella persona nuova?”; l’altra – la paura di fallire, invece, risponde a domande quali “E se fallisco ancora?” e “E se non funziona?”.

Cosa fare quindi di fronte a queste due paure?


Nel primo caso, suggerirei di capire che ce lo meritiamo, come tutti gli altri; questo passaggio è fondamentale per ottenere l’obiettivo. Ma come si fa a convincersi che ce lo meritiamo anche noi? Proprio noi? La domanda “Perché no?” può tornarci utile qui. Il lavoro diventa intimo e profondo, suggerirei di pensare a cosa abbiamo già e sapere serenamente che ce lo meritiamo perché… e poi suggerirei di chiedersi perché potrei meritarmi anche ciò che voglio ora.

La domanda utile “Perché no?” in questo caso nasconde un sincero “Perché io non dovrei, accidenti?”, “Perché io no, caspita?” Ancora, per non avere paura di riuscire è utile preparare il proprio futuro. Ai miei clienti suggerisco di guardarsi al futuro come saranno, cosa faranno, come si sentiranno bene e a proprio agio, dicendosi che è normale così e associando le emozioni positive che si ritengono utili per abituarsi.

Nel secondo caso, per eliminare la paura di fallire è importante dirsi che “questa volta è diverso PERCHE’…” Ed elencare tutti i motivi  per cui questa volta sarà diverso, e quindi finirà in modo diverso. (Certo, non funzionerà se continuiamo a fare le stesse cose di prima…). Più motivazioni troverai, più vantaggi immediati troverai, più sarà facile insstaurare un dialogo collaborativo e costruttivo con la tua paura.

Fondamentale non lasciare che quel dialogo interno deluso e impaurito continui a girare il suo disco paralizzante, ma spezzare l’incantesimo e svegliarsi finalmente. Anche qui è importante vedersi nel futuro, ma – a differenza del primo caso – qui sarà utile vedersi fare e riuscire giorno per giorno, pezzettino per pezzettino.

Perché per capire che facciamo cose diverse, dobbiamo rendere la mente conscia che le facciamo veramente, guardare al risultato sarebbe troppo vano. Inserisco di seguito uno schema riassuntivo delle distintive caratteristiche delle due paure e cosa poter fare nei due casi:

PAURA DI RIUSCIRE (DI FARCELA) PAURA DI FALLIRE
Me lo merito? Ne sarò capace? E se fallisco ancora?
Ansia e stress v. il futuro Delusione v. passato (che si rivive ogni giorno)
Perchè non dovrei? Perché no? Adesso è diverso perché…
Visualizzarsi nel futuro già arrivati e che sia normale + altre emozione positive utili Visualizzare nel futuro più immediato (giorno per giorno, azione diversa per azione diversa)

Sarà per me un piacere approfondire in corsi o in coaching la conoscenza delle tue paure e aiutarti a trattarle come alleate per proseguire e non ostacoli per paralizzare. Buona collaborazione!


TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


3 VIDEO GRATIS PER TE

Gestisci le tue emozioni, le tue abitudini e impara tanti strumenti per raggiungere i tuoi obiettivi con coerenza emotiva.



Manuale di indipedenza emotiva, un liro di Debora Conti

Potrebbe piacerti anche…

4 Must per Cambiare Vita: The Life List
31.316
Ero in vacanza e sfogliavo una rivista in giardino ...ed ecco uno di quegli articoli che fanno sognare: CAMBIARE VITA E LA TUA LIFE LIST. Ecco un bell'argomento su cui soffermarci. Cos'è Life List? E' un sito famoso che racconta le esperienze di chi ha avuto la forza e il coraggio (e io ci agg...
Cambiare vita con 5 domande
29.650
Hai bisogno di cambiare vita? Di dare una svolta e partire da dentro? Eccoti 5 domande utili da fare alla tua mente ogni giorno fino anche non ottieni valide e molteplici risposte. Il periodo. Capita a inizio anno accademico, a cavallo con le feste natalizie e con i classici "buoni propositi...
Le domande per migliorare e crescere
16.683
Una volta un trainer me la spiegò così: domande di qualità, vita di qualità. Domande mediocri, vita mediocre. Parliamo di domande per migliorare la vita e da farsi sia davanti ai problemi sia quando tutto fila liscio. Le domande esplorative Per intraprendere nuove avventure, iniziare nuovi p...
Il potere della mente inconscia e Kandel
28.633
Oggi più che mai il potere della mente inconscia è riconosciuto in psicologia. La parte inconscia è oggi più potente di quella conscia e un librone ce ne dà le prove... La quinta edizione americana del manualone di psicologia "Principles of Neural Science 5th Edition", chiamato familiarmente...

Comments 2

  1. Ciao Debora, io ho effettivamente più paura di riuscire… Ti spiego: sto tornando nel mondo del lavoro dopo 5 anni e mi è stata offerta un’opportunità molto interessante. Inizierò da Settembre e sono entusiasta. Certo, sentirò la mancanza dei miei piccoli, ma tanto loro saranno a scuola e aiutati da mia suocera. E qui sta il problema. Mia suocera è una brava donna ma ha paura che io mi allontani, che mini all’autostima di mio marito o chissà cosa… Come posso fare per non farmi frenare dalle sue paure? Vorrei anche rassicurare mio marito, anche se credo che lui sia solo contento per me. Il problema è che mia suocera è molto presente nella nostra vita e non vorrei che questo diventasse un problema e non una bella opportunità per me, capisci? grazie se hai un’idea.

    1. facebook-profile-picture Post
      Author

      Carissima Cinzia R. Buon rientro intanto.
      Sì, a volte questo “successo” può far paura perché non sappiamo come si ripercuoterà sui nostri cari, sulle loro incertezze e vite. Se tu sai che è una cosa giusta sia per te che per la tua famiglia, allora io ti suggerirei di

      1. stare vicino alla suocera perché se avrai lei come alleata tutto sarà risolto. Parlando en passant, potresti dirle che è meglio per te, per la coppia, per i figli, per lei stessa… Trova tu i vantaggi. E’ importante che entri nel suo mondo e trovi vantaggi per il suo mondo. In modo etico e corretto naturalmente, lo scopo qui è pensare a lei e rassicurarla

      2. Se le sue paure continuano per un certo periodo, impara ad ignorarle. In PNL si parla di submodalità… In pratica, quando tua suocera parla e tu vorresti non sentirla puoi immaginare di avere il controllo del volume (come sullo stereo di un auto) nelle tue orecchi e – letteralmente – abbassare il volume. So che sembra una sciocchezzuola detta così ma con un esercizio preparatorio con un coach è molto divertente oltre che utile. Ti indico i miei servizi in caso: http://www.deboraconti.com/shop/coaching-debora-conti/

      Buona nuova avventura Cinzia R.
      Deb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *